Il governo introduce “migranti” e “rifugiati” come materia scolastica

Il ministero dell’Istruzione e Unhcr (l’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati) firmeranno un protocollo su accoglienza, integrazione e solidarietà internazionale nella scuola. L’intesa sarà siglata giovedì al ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, tra il ministro Stefania Giannini, e il rappresentante per il Sud Europa dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (Unhcr), Stephane Jaquemet. Il protocollo intende «attivare una collaborazione diretta a promuovere congiuntamente nella scuola i temi dell’accoglienza, dell’integrazione e della solidarietà internazionale». Il documento prevede la realizzazione di attività congiunte fra i due organismi mediante l’elaborazione di specifici progetti. Durante la firma del Protocollo verrà presentato il primo progetto frutto di questa collaborazione: “Viaggi da Imparare”, un sito web interattivo sul fenomeno dei rifugiati in Italia destinato ai docenti delle scuole secondarie di primo e secondo grado.

E la Boldrini istituisce la commissione per i migranti

L’iniziativa fa il paio con l’attività della Commissione di studio su intolleranza, xenofobia, razzismo e odio, istituita alla Camera dei deputati dalla presidente Laura Boldrini. Al centro dei lavori, l’analisi delle varie forme in cui questi fenomeni possono manifestarsi: antisemitismo, islamofobia, antigitanismo, sessismo, omofobia. Nella sua prima fase, l’obiettivo potrebbe essere la realizzazione di un “Rapporto sull’odio in Italia”, centrato sulle forme di nuovo razzismo che si esprimono specialmente online, e sulle possibili azioni di prevenzione e contrasto a livello sociale, culturale e informativo, oltre che penale. La Commissione sarà guidata dalla Presidente della Camera e, sul modello già sperimentato per la Commissione di studio sui diritti e i doveri dei cittadini in Internet, avrà una composizione mista che metterà insieme deputati, esperti, esponenti di organizzazioni ed associazioni attive su queste tematiche.