Genova, cinghiali “occupano” il prato dell’università. I prof: «Dov’è il prefetto?»

Sarà che la voglia di studiare può risultare contagiosa anche per gli animali o che il famoso “pezzo di carta” su cui tante speranza poggiavano nell’Italia che fu oggi non è disdegnato neppure da selvatici quadrupedi, fatto sta che un’intera famiglia di cinghiali ha da da alcuni giorni preso “residenza forzosa” nel giardino del dipartimento di Scienze politiche dell’Università di Genova e i docenti hanno chiesto l’intervento del prefetto denunciando l’interruzione di pubblico servizio.

I cinghiali sono rinchiusi nel giardino dell’Albergo dei poveri

Di tanto frastuono e di così veementi polemiche non sembrano però curarsi più di tanto i diretti interessati, cioè i cinghiali che se ne restano tranquilli (e rinchiusi, ovviamente) all’interno del giardino dell’Albergo dei poveri, sede del dipartimento. Naturalmente, come spesso accade in Italia, ora il problema è capire la competenza, cioè chi deve fare cosa. Hai detto niente. Nel frattempo che le burocrazie trovino la quadra per rimediare ad una situazione che davvero ha pochi precedenti  i cancelli rimangono chiusi. L’impresa non è semplice: i cinghiali vanno prima catturati per poterli poi liberare in zone boschive. E catturare una famiglia di cinghiali non è proprio un gioco da ragazzi.

I prof: «Si rischia l’interruzione di pubblico servizio»

«Abbiamo chiesto l’intervento del prefetto perché da giorni i cinghiali sono nel giardino e oggi alla ripresa delle lezioni sono causa di interruzione di pubblico servizio. Non possiamo aprire la porta del dipartimento», tuona, e non a torto, il responsabile tecnico scientifico del dipartimento, Stefano Bonabello. È lui a spiegare come ci si stia arrangiando nell’attesa della soluzione: «Gli studenti – dice – passano da un altro ingresso, ma parte dell’attività didattica è bloccata perché non possiamo arrivare a laboratori e sale riunione». Intanto la zona è presidiata dagli agenti della Polizia provinciale che vigilano sui curiosi e bloccano chi tenta di dare loro da mangiare. Mamma cinghiale, per nulla disturbata, continua ad allattare nel giardino, dove il prato è ormai stato devastato dagli animali.