È giallo in Valtellina: un padre uccide il figlio di sette anni, poi si impicca

FacebookPrintCondividi

È giallo in Valtellina su un omicidio-suicidio avvenuto in una domenica che sembrava come tante altre: e che invece è stata la domenica in cui un padre uccide il figlio di sette anni e subito dopo si toglie la vita. Cosa ci sia dietro questo tragico gesto consumatosi in un banale pomeriggio di un paese alle porte di Sondrio è ancora presto per dirlo. Si parte dal dato finale però: quello dell’acquisizione, inacettabile, dell’ennesimo dramma familiare.

Padre uccide il figlio di sette anni e poi si impicca

Le indagini, come è presumibile, accerteranno poi il perché di un gesto tragico come questo: ma farà poca differenza scoprire che l’uomo – sembra in via di separazione dalla moglie – ha scelto l’epilogo tragico in risposta alla fine di una relazione, magari subita e non agita. Farà poca differenza apprendere magari in un secondo momento che dietro il folle gesto di uccidere e poi di suicidarsi possono esserci motivazioni economiche o problemi di salute. Il dato da cui si parte – e con cui, purtroppo, la vicenda umana si esaurisce al di là di quelli che saranno gli accettamenti delle indagini – è che oggi la famiglia di Protasio Sala, che viveva a Tovo Sant’Agata, non c’è più.

È mistero sul movente dell’omicidio-suicidio

E non esiste più perché l’uomo, un padre, un marito, ha deciso di soffocare il figlio di 7 anni prima di uccidersi, imponendo alla moglie – che lavora in ospedale come infermiera – la decisione letale che cambierà per sempre la sua esistenza futura. E allora, si è tolto la vita impiccandosi, il quarantatreenne, lasciando un biglietto di scuse alla consorte, che in quel momento era fuori casa. Secondo i carabinieri di Tirano che conducono le indagini non ci sarebbero dubbi sull’omicidio-suicidio. Secondo indiscrezioni circolate in zona la coppia stava per separarsi. Secondo quanto fin qui trapelato a dare l’allarme sarebbero stati i vicini di casa. Quel che è certo, e che non è adducibile a voci, indiscrezioni e ricostruzioni, è che quel padre e quel figlio da oggi non ci sono più.