Dispetto a Putin: la canzone anti-Russia vince Eurovision 2016 (VIDEO)

Doppia beffa per la Russia e sgarbo indiretto a Putin, all’Eurovision song contest 2016, la competizione un tempo conosciuta come “Eurofestival”, la gara canora che vede in lizza le canzoni di tutta Europa, incluse repubbliche dell’ex Unione Sovietica, Israele e altre nazioni extraeuropee. Le giurie e il televoto hanno premiato, a sorpresa, la canzone anti-russa della cantante ucraina Jamala, intitolata 1944 e dedicata alle deportazioni dei tatari della Crimea da parte delle truppe russe. La cantante, di famiglia originaria della Crimea, ha detto in un’intervista che la canzone è chiaramente politica e contiene un messaggio attuale, dedicato a tutte le popolazioni che soffrono. Chiara la chiave anti-Russia. La canzone grande favorita, alla vigilia, era proprio quella del cantante russo Sergey Lazarev, piazzatosi al terzo posto, dietro il brano dell’Australia. Solo sedicesima la nostra Francesca Michielin. Secondo le indiscrezioni del quotidiano britannico Mirror, «la vittoria della Russia sarebbe risultata poco gradita a molti delegati, così che è stato fatto di tutto per favorire la vittoria di un altro concorrente».