Clochard ridotto in fin di vita a colpi di spranga: arrestato l’aggressore

FacebookPrintCondividi

Un 49enne romano è stato arrestato dai carabinieri di Roma per la violenta aggressione, avvenuta in via Amelia, la sera del 27 aprile scorso, ai danni di un clochard 55enne romano, tuttora ricoverato in fin di vita all’ospedale San Giovanni. Il violento gesto sarebbe maturato negli ambienti degli homeless, complici i fumi dell’alcol e vecchi rancori.

I due clochard si conoscevano

I protagonisti della vicenda sono infatti due clochard: si conoscevano da tempo e già in passato avevano avuto dei diverbi. Preso dall’ira, il fermato ha sradicato dal marciapiede un palo in ferro e ha colpito la vittima al capo. La spranga, utilizzata dall’aggressore, è stata ritrovata poi dai carabinieri all’interno di un cassonetto. I rilievi eseguiti sul luogo dell’aggressione e l’interrogatorio di altri clochard portati in caserma nell’immediatezza del fatto hanno consentito ai carabinieri di raccogliere gravi indizi di colpevolezza a carico del 49enne. Il fermo dell’autore dell’aggressione è stato subito convalidato dal gip del tribunale di Roma e tramutato in custodia cautelare presso il carcere di Regina Coeli. L’accusa è di tentato omicidio aggravato.