Brexit, demenziale provocazione di Boris Johnson: “Ue come Hitler”

FacebookPrintCondividi

Il referendum sulla Brexit sta agitando in modo sempre più impetuoso le acque della politica britannica. L’ultima, demenziale provocazione  viene dall’ex sindaco  di Londra Boris Johnson. L’Unione europea – dice –  persegue “con metodi diversi” lo stesso obiettivo di Hitler: unificare l’Europa sotto un’unica “autorità”. Johnson lo dice in un’intervista al Sunday Telegraph.     “Napoleone, Hitler e altre diverse persone ci hanno provato, ed è finita tragicamente. L’Ue è un tentativo di fare lo stesso con metodi diversi”, insiste l’ex sindaco di Londra , non nuovo alle provocazioni sulla Brexit. Qualche settimana fa attaccò violentemente il presidente Obama per aver messo in guardia i cittadini britannici dai rischi della Brexit stessa. Questa volta però  il vulcanico esponente politico conservatore sembra aver passato il segno, tant’è che un’ondata di reazioni negative è venuta dal mondo politico britannico.

Intendiamoci, Johnson ricorda anche diversi fatti incontestabili, come   i “disastrosi” fallimenti di Bruxelles che hanno alimentato le tensioni tra gli Stati membri e permesso alla Germania di accrescere il proprio potere, di influire sull’economia italiana e di “distruggere” la Grecia . Però le iperboli come quella appunto del disegno europeo paragonato a quello hitleriano non aiutano certo l’opinione pubblica d’oltre Manica a effettuare in modo avveduto una scelta da cui dipende, non solo il destino della Gran Bretagna, ma anche quello dell’intera Europa.

A poche settimane dal referendum, i sondaggi danno un esito quanto mai incerto. Fino a qualche settimana fa, i Sì all’Ue prevalevano nettamente sui No. Ma, a spostare fasce di opinione pubblica verso la Brexit, pare sia stato paradossalmente l’intervento di Obama, da molti cittadini britannici percepito come una vera e propria invasione di campo.