Atti osceni contro una donna in autobus a Roma: arrestato un bulgaro

I motociclisti del Gruppo Pronto Intervento Traffico (Gpit) della polizia municipale in servizio sul Lungotevere hanno arrestato un uomo di 59 anni responsabile di gravi atti osceni all’interno di un autobus nei confronti di una ragazza di 35 anni. E’ quanto si legge in un comunicato del Comando dei vigili urbani. “I fatti sono accaduti all’altezza di Ponte Cavour, sulla linea 301, al momento con circa 5-6 viaggiatori – si legge nella nota -. La ragazza, italiana, ha raccontato che l’uomo, di nazionalità bulgara, poi risultato con un precedente specifico a suo carico del 2012, era seduto in fondo, con spalle all’autista: mentre nessuno lo notava, ha iniziato gli atti osceni ancor prima che la ragazza se ne accorgesse, proseguendo poi nonostante la ragazza avesse iniziato ad urlare aiuto”. L’autista del bus, sentito il baccano, ha fermato il mezzo attirando l’attenzione di due agenti motociclisti della Polizia di Roma Capitale, che in quel momento pattugliavano il Lungotevere: entrati nel bus, i due vigili hanno arrestato l’uomo, seminudo, portandolo al comando del Gpit, dove hanno raccolto la testimonianza della ragazza, ancora scossa per l’accaduto, e poi quelle dei passeggeri. Il bulgaro è piantonato e si attendono le decisioni del magistrato.