Abruzzo, nel paese con 67 votanti i candidati a sindaco sono sette…

FacebookPrintCondividi

Sette candidati sindaci per altrettante liste e ben 55 candidati consiglieri in un Comune di 82 abitanti, in Abruzzo, di cui 67 aventi diritto al voto. Accade a Carapelle Calvisio, centro nel cuore del parco del Gran Sasso Monti della Laga a circa 30 chilometri da L’Aquila. La singolare situazione è emersa sabato, alla scadenza per la presentazione delle liste per le elezioni amministrative del prossimo 5 giugno. Il sindaco uscente e ricandidato, Domenico Di Cesare, afferma che tre delle sette liste sono riconducibili “a persone che puntano a giocarsi la poltrona di sindaco, quattro invece sono costituite da appartenenti alle Forze dell’ordine, in particolare poliziotti, carabinieri e poliziotti penitenziari”. “È una vergogna – dice Di cesare – perché tra i candidati c’è chi è di Barletta e lavora a Milano ed evidentemente qua starebbe più vicino. E intanto si fanno un mese di ferie, visto che per legge non possono fare campagna elettorale mentre sono in servizio!”. Il primo cittadino ha annunciato una lettera al ministero dell’Interno.

I candidati sindaco di Carapelle Calvisio, secondo quanto reso noto dall’attuale primo cittadino, provengono da Susa (Torino), Rimini e dal comune sardo di Gonnosfanadiga (Medio Campidano). Di Cesare, salvo una breve parentesi da vent’anni alla guida del piccolo Comune, ha deciso all’ultimo momento di ripresentarsi, dopo che è caduto nel vuoto il suo appello ai giovani ai farsi avanti e alla luce dell’esperienza del vicino Castelvecchio Calvisio, commissariato da un anno dopo che alle elezioni del 2015 l’unica lista in campo, anche in quel caso composta da soli poliziotti, non ha raggiunto il quorum.