Urinava sui cancelli delle abitazioni: immigrato prende i poliziotti a testate

Non bastava fare la pipì dove capita, a seconda della necessità istintuale del momento. E non è stato sufficiente neppure opporre strenua resistenza all’agente intervenuto per sanzionare la cosa. Per arginare un immigrato ecuadoregno in preda a bisogbi fisiologici ed escandescenze del momento sono servite le manette e il successivo intervento di medici e infermieri.

Padova, immigrato ecuadoregno fa pipì dove capita

E infatti, fermato dalla polizia mentre faceva pipì per strada, l’immigrato Alexander Stevan Rezebala Lucas, 22 anni ,ha dato il meglio di sé durante il controllo e anche in Questura. Dopo essersi dimenato a più non posso durante le operazioni di identificazione e di fermo, l’inarrestabile ecuadoregno ha pensato bene anche di picchiare gli agenti chiamati a contenerlo con spintoni e testate. È successo nella tranquilla Padova, dove la polizia è stata chiamata da alcuni residenti di Altichiero che lamentavano la presenza di due giovani molesti per strada. Uno dei due, in particolare, è stato visto fare tranquillamente pipì contro il cancello di un’abitazione.

Fermato, reagisce in maniera violenta contro gli agenti

Gli agenti sono arrivati sul posto in pochi minuti. Hanno – come da procedura – chiesto all’immigrato i documenti personali, e già dai primi istanti del controllo improvvisato il ventiduenne ha dimostrato tutta la sua incontenibile oppositività reagendo spintonando uno dei poliziotti contro l’auto di servizio. A quel punto l’uomo è stato caricato in macchina e trasferito nelle celle di sicurezza della Questura dove, anche lì, ha tentato di compiere atti di autolesionismo. Data la situazione si è visto costretto a intervenire un altro poliziotto per tentare di calmare l’immigrato irascibile e riportare la situazione a un minimo di normalità, ma immediatamente il ragazzo l’ha colpito con una testata. È stato quindi accompagnato in ospedale dove, ancora non pago, l’immigrato ha continuato a dare in escandescenze con medici e infermieri. Alla fine è stato arrestato per lesioni, violenza e resistenza a pubblico ufficiale