Terrore ad Acerra: uomini armati davanti alle scuole seminano il panico

Momenti di terrore ad Acerra (Napoli), dove due uomini presumibilmente armati di mitra, a bordo di uno scooter, hanno seminato il panico davanti a due scuole cittadine poco prima dell’orario di chiusura. I due, a volto coperto, sono stati visti da alcune mamme in attesa dei loro figli all’uscita della scuola del secondo circolo didattico, e hanno avvertito il dirigente scolastico, che per precauzione ha chiuso gli ingressi in attesa dell’arrivo delle forze dell’ordine. Nessun colpo è stato esploso, e non è possibile al momento stabilire se quello avvistato fosse un mitra vero o un’arma giocattolo. Pochi minuti prima i due erano stati avvistati anche da una ragazzina che frequenta la scuola media situata alla spalle del secondo circolo, che ha notato il motorino mentre guardava fuori dalla finestra. I due giovani sono stati visti in diverse zone della città, e sono molte le segnalazioni arrivate nelle ultime ore alla polizia del locale commissariato, che stanno ascoltando testimoni e cercando i due presunti malviventi. Nella stessa scuola del secondo circolo, solo mezz’ ora prima dell’avvistamento, si era conclusa una manifestazione per la legalità, cui ha partecipato, tra gli altri, il sindaco di Acerra, Raffaele Lettieri. «Bisogna fare una lotta contro l’ oppressore di oggi che è la camorra», aveva detto pochi giorni fa il presidente dell’Autorità nazionale anticorruzione Raffaele Cantone parlando agli studenti di Afragola (Napoli). «Dobbiamo fare una resistenza quotidiana – ha aggiunto Cantone – abbiamo bisogno di una battaglia cultura le ricordando ogni giorno il valore della Costituzione».

In nottata ad Acerra era stato ferito un giovane

Potrebbe essere collegato al ferimento di un giovane avvenuto in nottata, l’avvistamento dei due uomini, presumibilmente armati di un mitragliatore, davanti a due scuole e nel centro cittadino ad Acerra. In nottata un giovane 21 anni, U.C., incensurato, è stato ferito ad un polpaccio da due uomini a volto coperto a bordo di uno scooter, che gli hanno esploso contro un colpo di pistola in piazzale dei Martiri. Il giovane è stato portato nella clinica Villa dei Fiori, poco prima delle 2. I medici lo hanno medicato per una ferita al polpaccio con una prognosi di 15 giorni. Verso le 5,15, sono stati esplosi alcuni colpi di pistola in corso Vittorio Emanuele, all’ altezza del civico 67, dove abita un pluripregiudicato del posto, Vincenzo Di Buono. Secondo gli investigatori i due episodi potrebbero essere collegati tra loro, e non si esclude che siano anche da collegarsi all’avvistamento in città dei due giovani a bordo di uno scooter forse armati di un fucile mitragliatore. Carabinieri e Polizia hanno fatto scattar un’ operazione ad “alto impatto”, per rintracciare il mezzo. Controlli sono in corso, anche con l’ intervento di un elicottero dei carabinieri.