Terremoto in Ecuador: 350 le vittime. La Ue stanzia un milione di euro

Sono 350 le vittime del violento terremoto di magnitudo 7,8 che ha colpito la zona costiera centrale dell’Ecuador, a circa 170 chilometri dalla capitale Quito. Il servizio geologico degli Stati Uniti ha comunicato che il terremoto ha avuto il suo epicentro 27 chilometri a sud-est di Muisne, in una zona turistica di porti di pesca, a una profondità di 19 chilometri.

Terremoto in Ecuador, l’Ue stanzia un milione di aiuti

È scattata la gara di solidarietà per aiutare la popolazione colpita dal terremoto. Caritas Italia ha già stanziato centomila euro, mentre Oxfam (una delle più importanti confederazioni internazionali nel mondo specializzata in aiuto umanitario e progetti di sviluppo) ha annunciato di «essere al lavoro, con una squadra sul campo, per valutare l’entità dei danni e decidere le prime misure d’intervento». Anche l’Ue è scesa in campo. La Commissione europea ha stanziato un milione di euro per i primi aiuti umanitari alle vittime del terremoto in Ecuador. «L’Ue è pienamente impegnata a sostenere gli sforzi internazionali per assistere le migliaia di persone colpite dal sisma. Stiamo già inviando assistenza d’emergenza attraverso il meccanismo di protezione civile europeo e gli esperti della Commissione sono in viaggio verso le aree colpite per portare assistenza e valutare i bisogni per assistenza aggiuntiva», ha affermato il commissario Ue per gli Aiuti umanitari Christos Stylianides.

I 40 ragazzi italiani del servizio civile “stanno bene”

In Ecuador ci sono quaranta ragazzi italiani del servizio civile che si trovano in varie zone del Paese e che “stanno tutti bene”. Lo ha assicurato Enzo Rubinetti, coordinatore dei volontari Focsiv in Ecuador. La rete delle ong aderenti a Focsiv ha subito attivato il sistema di ricognizione per verificare lo stato dei giovani italiani. «Sicuramente la paura, a seguito della scossa del terremoto che ha colpito la zona costiera centrale dell’Ecuador, a circa 170 chilometri da Quito è stata forte – ha afferma Rubinetti – ma fino ad ora qui non sono stati rilevati dei danni. Ci arrivano notizie sporadiche e frammentarie dalla zona dell’epicentro e ancora alcuni piccoli centri non sono stati raggiunti».