Stagione all’insegna dei classici per il Teatro Stabile di Napoli

Forte dei risultati della stagione di successo che si lascia alle spalle, il Teatro Stabile di Napoli presieduto da Valter Ferrara e diretto da Luca De Fusco presenta la nuova Stagione Teatrale 2016 / 2017. Una stagione d’autore che accoglie un ricco programma di titoli classici e contemporanei, ma anche di danza e musicali all’insegna di una pluralità di voci e stili, del panorama italiano e di quello internazionale. «Stagione – dichiara il direttore Luca De Fusco – che prosegue e rafforza le linee salienti di quella che ci stiamo lasciando alle spalle, la cui offerta complessiva ha portato alla cifra record di 5387 abbonati e a un numero di presenze pari a 68118 spettatori, con un incremento del 26% rispetto all’anno precedente. I numeri più alti del Teatro Stabile dalla sua fondazione».

La Stagione 2016/2017 dello Stabile si inaugura al Teatro San Ferdinando il 19 di ottobre 2016 con la prima nazionale di Liolà di Pirandello, messo in scena da Arturo Cirillo che ne è anche interprete insieme a Massimiliano Gallo, Milvia Marigliano, Giovanna Di Rauso, su produzione del Teatro Stabile di Napoli. Il cartellone del Teatro Mercadante partirà invece il 26 di ottobre con il debutto di Macbeth di William Shakespeare, nella traduzione di Gianni Garrera e la regia di Luca De Fusco, con protagonisti Luca Lazzareschi e Gaia Aprea.  Sempre al Mercadante, tra le ospitalità della Stagione, dal 13 al 18 dicembre andrà in scena Il giuoco delle parti di Pirandello con protagonista il grande Umberto Orsini e la regia di Roberto Valerio, presentato dalla Compagnia Umberto Orsini. Al San Ferdinando proseguono gli appuntamenti con i grandi testi della tradizione in lingua napoletana con il debutto, il 21 dicembre, di Miseria e nobiltà di Eduardo Scarpetta. Un grande ritorno è invece il Ferdinando di Annibale Ruccello che lo Stabile propone al San Ferdinando dal 10 al 15 gennaio 2017, interpretato da Gea Martire, nel nuovo allestimento messo in scena da Nadia Baldi su produzione Teatro Segreto. Sempre a gennaio, dal 24 al 29, al Teatro Mercadante lo spettacolo prodotto dal Teatro Stabile Friuli Venzia Giulia, Artisti Riuniti, Mittelfest 2015, Scandalo di Arthur Schnitzler con la regia di Franco Però, interpretato da Stefania Rocca e Franco Castellano. Un testo inedito di Schnitzler mai rappresentato in Italia.

All’universo dell’alfabeto “rapper” di lingua napoletana si ispira lo spettacolo Mal’essere, in scena al San Ferdinando dal 1 al 12 febbraio 2017, del regista Davide Iodice, tratto da Amleto di Shakespeare, che vedrà in scena rapper napoletani e attori. Lo spettacolo è prodotto dal Teatro Stabile di Napoli, secondo appuntamento dell’anno “shakespeariano”. Al singolare Amleto/Mal’essere di Davide Iodice fa da contraltare il Giulio Cesare del Bardo in scena dal 8 al 19 febbraio al Mercadante, tra le ospitalità del cartellone presentato dal Teatro Stabile del Veneto, con la regia dello spagnolo Àlex Rigola, qui alla sua prima regia in lingua italiana, con protagonista Michele Riondino.