Sondaggio, giù il Pd e la fiducia nel governo Renzi. Cresce Fratelli d’Italia

Nelle intenzioni di voto dell’Istituto Ixè in esclusiva per Agorà (Raitre), il Pd scende dal 34,1% al 33,5% in una settimana, mentre cresce il Movimento 5 Stelle (25,8%, +0,4%). In calo la Lega Nord (14%, -0,4%). Da segnalare che, se si votasse oggi, l’affluenza sarebbe al 55,6%. Flessione anche per l’Esecutivo. E’ in calo di un punto nell’ultima settimana (al 32%) la fiducia in Matteo Renzi e nel governo (31%). Al comando, tra i leader politici, c’è sempre il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, stabile al 57%. Più in alto di tutti, come al solito, Papa Francesco, con l’82% di fiducia. L’istituto ha posto  alcuni quesiti in relazione anche all’inchiesta in Basilicata e alle polemiche politiche. Il 44% degli intervistati pensa che il governo Renzi sia amico delle lobby mentre il 31% sostiene il contrario. Inoltre, per il 50% il petrolio è un combustibile ormai superato mentre il 44% lo giudica una risorsa da sfruttare il più possibile. Quanto all’ipotesi di un impianto di estrazione sotto casa (se ci fosse del petrolio), il 69% direbbe no. Questo il quadro complessivo delle intenzioni di voto (tra parentesi è indicato lo scostamento percentuale rispetto alla settimana precedente):

PD 33,5% (-0,6)

M5S 25,8% (+0,4)

LEGA NORD 14,0% (-0,4). –

FORZA ITALIA 10,4% (+0,4)

SINISTRA ITALIANA 5,3% (+0,3)

FRATELLI D’ITALIA 3,9% (+0,2).

AREA POPOLARE (NCD+UDC) 2,7% (+0,2).

RIFONDAZIONE COMUNISTA 0,8% (-0,3).

VERDI 0,8% (-0,2)

SCELTA CIVICA 0,8% (+0,2)