Roma, Berlusconi insiste: «Piena fiducia a Guido Bertolaso»

FacebookPrintCondividi

Silvio Berlusconi al termine di una complessa giornata di contatti e incontri ha deciso, si apprende in ambienti azzurri, di confermare la piena fiducia nella candidatura di Guido Bertolaso per la corsa a sindaco di Roma. “Riteniamo che il Dottor Bertolaso sia l’unico tra i candidati sindaci in campo in grado di risollevare la capitale d’Italia dallo stato di degrado in cui si trova dopo anni di cattiva amministrazione”, prosegue Berlusconi. “Il suo curriculum – conclude Brlusconi – non permette alcun dubbio al riguardo per le tante impegnative e complesse emergenze che ha saputo affrontare e risolvere, con competenza e decisione, nel corso della sua lunga carriera al servizio del Paese. Per questo invitiamo i cittadini romani a scegliere il futuro sindaco di Roma non per simpatie e vicinanze politiche, ma avendo a cuore soltanto il loro concreto interesse e l’interesse della loro città”.

La risposta di Salvini a Berlusconi

A Berlusconi arriva a distanza la risposta di Salvini. “Noi a Roma andiamo al ballottaggio con la Meloni – ha sostenuto Salvini parlando dal palco sotto la prima sede della Lega -, perché con chi dice che i rom vanno aiutati io non ci vado, e non mi interessa neanche citare Bertolaso qui a Varese”. Il segretario leghista si è detto soddisfatto dei candidati scelti con tutto il centrodestra in città come Milano (Stefano Parisi) e Varese (Paolo Orrigoni). “Ma dove non li abbiamo trovati, abbiamo lasciato gli altri in un angolo”.

Storace: «Il popolo punirà chi non ha voluto le primarie»

Sul tema candidature interviene anche Francesco Storace: “Martedì sera riunirò i candidati della Lista Storace al Consiglio comunale per partire finalmente per la campagna elettorale: e denunceremo con chiarezza ai romani le responsabilità di chi, nel centrodestra, ha sabotato ogni tentativo di soluzione unitaria. Non hanno voluto fare le primarie, non si sono fidati del nostro popolo: sarà il nostro popolo a punirli come meritano. Altro che sondaggi a pagamento…”