Rapinano un uomo nel centro di Bologna: fermati tunisino e romeno

Avvicinato con la scusa di una richiesta di denaro, poi minacciato di morte e picchiato. A subire l’aggressione, lunedì sera in via del Pratello, nel centro di Bologna, è stato un uomo di 55 anni, che ha reagito al tentativo di rapina e fatto arrestare dalla polizia i due malviventi: un 20enne romeno e un tunisino di 17 anni. I due hanno opposto resistenza, rompendo un dito a un ispettore (30 giorni di prognosi) e colpendo anche un altro poliziotto, prima di essere bloccati. Il 55enne era stato spintonato e colpito con un pugno dai due stranieri, che gli avevano chiesto qualche spicciolo per poi cercare di rapinarlo. Poi gli hanno fatto cadere a terra l’Iphone con il quale aveva appena chiamato il 113. «Quando arriva la polizia – gli hanno detto – vedranno come ti uccidiamo». Si sono in realtà allontanati prima dell’arrivo degli agenti, che li hanno rintracciati poco dopo, ancora nei paraggi. I due, entrambi regolari in Italia (il romeno risiede nel Reggiano, il tunisino nel Bolognese) rispondono di concorso in tentata rapina, resistenza e lesioni a pubblico ufficiale.