Napoli violenta, sventagliata di mitra contro una stazione dei carabinieri

Napoli violenta. Nella notte tra martedì e mercoledì una sventagliata di mitra (più di quaranta colpi) si è abbattuta contro la stazione dei Carabinieri di Secondigiano.

Sventagliata di mitra contro la stazione dei carabinieri

Ad agire, secondo le prime ricostruzioni, sarebbe stato un commando di quattro persone. «Probabilmente ragazzi molto giovani», ha rivelato il generale Antonio De Vita, comandante provinciale dei carabinieri di Napoli, commentando il raid notturno. «A quei ragazzi dico “deponente le armi”, la vita non è un videogioco o uno slogan sui social», ha aggiunto De Vita, «non ci facciamo intimidire. L’azione di questa notte dimostra che la presenza dell’Arma sul territorio è incisiva e che le continue martellanti operazioni di polizia giudiziaria danno fortemente fastidio e continueranno in maniera sempre più marcata».

Due giorni prima un altro agguato

L’attacco è avvenuto a distanza di due giorni da un altro agguato armato messo a segno nello stesso quartiere. In pieno giorno un gruppo di malviventi ha sparato contro un furgone portavalori e ferito una guardia giurata, per poi fuggire con il bottino tra la folla terrorizzata. Numerosi i colpi di fucile e pistola esplosi anche durante l’inseguimento.