La lezione di Putin: vive in 150 mq e guadagna circa centomila euro l’anno

Proprio come i politici italiani: il Cremlino ha pubblicato la interessantissima dichiarazione dei redditi del presidente Vladimir Putin. Nel 2015 Putin ha guadagnato 8,9 milioni di rubli (circa 118mila euro), ovvero un milione di rubli in più rispetto al 2014, quando dichiarò 7,65 milioni di rubli. Stando ai documenti, il presidente possiede tra le altre cose un terreno di 1500 metri quadrati, un appartamento da 77 metri quadrati, un garage, due auto (una Gaz M21 Volga e una Niva). Putin dichiara inoltre l’utilizzo di un appartamento di 153 metri quadri e un box auto.

Putin sulle elezioni Usa: sempre le stesse facce…

Il presidente Putin non ha perso l’occasione di attaccare l’Occidente, che si è schierato contro la Russia per compiacere gli Stati Uniti: «Non credo che i partner occidentali toglieranno le sanzioni alla Russia nel prossimo futuro. Non credo che lo farebbero nemmeno se gli accordi di Minsk fossero attuati in pieno, troverebbero un nuovo pretesto». E ha aggiunto: «Molti Paesi occidentali che si definiscono democratici hanno solo due partiti a contendersi il potere, dove sono le alternative?», si è chiesto Putin. In particolare, per quanto riguarda gli Stati Uniti, il presidente russo ha sottolineato come si ritrovino «sempre le stesse facce, prima i Bush, padre e figlio, e poi i Clinton, moglie e marito. Una stessa famiglia resta dunque alla guida del paese per molti anni». «Non sto dicendo che sia un male», ha concluso. Alla fine della dichiarazione, il presidente russo ha smorzato un po’ i toni: «Le dichiarazioni del presidente Obama sugli errori dell’America in Libia dimostrano che è una persona perbene». Ma ha dovuto aggiungere: «Lo dico senza ironia». Putin ha quindi esortato gli Usa a non ripetere gli stessi errori in Siria. Infine, Putin ha detto che «è troppo presto per parlare di una mia candidatura alle elezioni del 2018», rispondendo alla domanda se intendeva ricandidarsi alle elezioni presidenziali del 2018.