Era l’incubo degli anziani, la ladra finalmente in manette: è una romena

Abile, probabilmente affabile e sicuramente scaltra nell’attirare l’attenzione e carpire la confidenza degli anziani: anche se non abbastanza. E infatti, dopo un po’ che erano sulle sue tracce, i poliziotti hanno sorpreso la giovane donna romena sospettata di aver messo a segno diversi furti a danno di vittime attempateindifese da lei raggirate e derubate, davanti a una chiesa di periferia a Perugia, dove passeggiava magari nel tentativo di adescare qualche anziano, qualche altra vittima di uno dei suoi ormai collaudati colpi fin qui andati a buon fine…

Era l’incubo degli anziani: arrestata giovane ladra romena

Intercettata e fermata, l’ingegnosa “mani di velluto” romena, di 34 anni, resa inoffensiva dagli agenti, è stata denunciata a piede libero per un furto compiuto nei giorni precedenti, naturalmente messo a segno sempre ai danni di uno dei tanti anziani caduti nella sua rete di bugie e trucchetti fraudolenti. La sua fama – e il suo identikit evidentemente – si erano rapidamente diffusi in città e nelle zone limitrofe. Le sue imprese “mordi e fuggi” non erano passate inosservate e, soprattutto, il target anagrafico di riferimento della giovane ladra romena aveva allertato sia gli anziani del luogo, che i loro familiari. Non a caso, allora, gli agenti sono intervenuti dopo una chiamata al 113 e l’hanno trovata che si aggirava dalle parti di una chiesa alla perfieria di Perugia, un luogo notoriamente frequentato soprattutto da fedeli attempati.

La donna è accusata di furto con destrezza

Sembra che i poliziotti, grazie alle esaustive informazioni fornite dai testimoni, non abbiano dovuto faticare molto a trovare e identificare la donna che, forse intenta a colpire nuovamente, è stata sorpresa a camminare distrattamente poco lontano dalla chiesa, magari in cerca di qualche parrocchiano agé, di qualche altra vittima da avvicinare e poi, dopo averne carpito l’attenzione, da derubare come gli altri anziani finiti nel suo mirino criminale. Dopo i successivi accertamenti, allora, alla giovane romena è stato contestato un furto con destrezza commesso in precedenza nella zona di Fontivegge, dove sembra che la donna sia riuscita a sottrarre denaro e due cellulari a un anziano che le aveva incautamente dato un passaggio in auto. Un passaggio costato più caro del previsto…