Centinaia di profughi in rivolta a Varese: intervengono i carabinieri

Un centinaio di profughi ospiti del centro accoglienza della Croce Rossa a Tradate (Varese), questa mattina si sono barricati all’interno della struttura (dopo aver fatto uscire i volontari presenti), impedendo al personale della Croce Rossa di entrare, per protestare contro il mancato riconoscimento dello status di rifugiati. Alcuni di loro si sono poi riversati in strada creando problemi alla circolazione, fin quando attraverso la mediazione dei carabinieri di Saronno (Varese), non hanno ottenuto un incontro con il Prefetto di Varese. A quanto si apprende tutti gli ospiti del centro hanno avanzato domanda per il riconoscimento dello status di rifugiati, ma essendo passato del tempo senza aver ottenuto risposta, hanno deciso di occupare il centro di accoglienza che li ospita. Una loro delegazione sarà ricevuta dal Prefetto di Varese nella tarda mattinata di oggi.

Croce Rossa di Tradate assalita dai profughi

«Il prefetto di Varese non accetti nessun dialogo con quel centinaio di richiedenti asilo ospiti del centro di accoglienza della Croce Rossa di Tradate che stamattina hanno inscenato un’assurda protesta per i ritardi nell’esaminare le loro domande per ottenere lo status di rifugiato». Lo afferma in una nota il segretario della Lega Lombarda, Paolo Grimoldi, secondo il quale «semplicemente questi clandestini vanno espulsi subito e rimandati da dove provengono».