Bimbo di tre anni cade dal terzo piano e “atterra” su una siepe: illeso

FacebookPrintCondividi

Benedetta siepe: ha salvato un bimbo di tre anni attutendone l’impatto dopo un volo dal terzo piano. È accaduto poche ore fa nella via Baracca di Misano Adriatico, in provincia di Rimini. Il piccolo e fortunato protagonista di questa incredibile disavventura a lieto fine è l’ennesimo bambino lasciato solo in casa da genitori imprudenti che non hanno previsto tutti i pericoli in agguato.

È accaduto in provincia di Rimini: il bimbo era solo in casa

Secondo quanto ricostruito, infatti, il bimbo si trovava solo nell’abitazione di via Baracca e si è arrampicato sulla balaustra del balcone. Ha quindi perso l’equilibrio ed è caduto nel vuoto. Ma a “pararlo” e a salvargli la via è stata la provvidenziale siepe sistemata proprio sotto il palazzo condominiale. Un volo di almeno dieci metri che ha lasciato del tutto illeso il bambino. Tanto è vero che vedendo il papà rientrare in bicicletta gli è andato incontro come se nulla fosse successo. Nonostante ciò, il piccolo è stato portato all’ospedale di Cesena per precauzione. Come atto dovuto, intanto, sulla scorto del rapporto dei Carabinieri, tempestivamente intervenuti per fare luce sulle dinamiche dell’episodio, la Procura di Rimini ha aperto un fascicolo d’indagine in cui ipotizza il reato di abbandono dei minori a carico dei genitori.

Aperto un fascicolo a carico dei genitori

La vicenda odierna ha fatto riaffiorare quella – anch’essa verificatasi in Emilia Romagna, nella frazione Corticella di Bologna per la precisione – di Diego, il bimbo di sei anni, che nel febbraio del 2015 cadde dal sesto piano del condominio. Il piccolo era rimasto solo in casa per pochi minuti, verso le 8, perché il padre aveva accompagnato la moglie al lavoro e l’altra figlia a scuola. Bastarono quei pochi istanti perché Diego si arrampicasse sulla ringhiera del balcone per cadere giù, facendo un volo di almeno 15 metri, rompendosi bacino, braccio e gamba, ma fortunatamente vivo.