Studente ucciso a martellate dopo una notte di alcol e droga: due fermati

È morto diverse ore prima dal ritrovamento, probabilmente nella notte tra venerdì e sabato, Luca Varani, lo studente universitario ucciso in un appartamento nel quartiere Collatino, alla periferia di Roma. Sarà comunque l’autopsia a fissare l’orario del decesso e il numero esatto delle ferite inferte. Sulla vicenda indagano i carabinieri della compagnia piazza Dante e del nucleo investigativo di Roma. Secondo quanto si è appreso, il 23enne è stato trovato nudo in camera da letto. Da chiarire se sia stato spogliato in un secondo momento. Al momento per gli investigatori l’omicidio è legato all’abuso di alcol e droga da parte dei fermati e non sarebbe stato individuato un movente preciso dietro al delitto. Intanto sono stati fermati due studenti universitari.

Lo studente aveva 23 anni: preso a martellate e coltellate

A dare l’allarme uno dei fermati, il proprietario di casa, in via Igino Giordani, nella zona di Colli Aniene che, preso dal rimorso, si sarebbe confidato con un parente e poi avrebbe contattato i carabinieri. Secondo quanto si apprende da fonti investigative, Varani aveva numerose ferite sul corpo. I carabinieri hanno sequestrato nell’abitazione due coltelli da cucina e un martello usati probabilmente per l’omicidio.