Storace: “Dobbiamo conquistare Roma. Incontriamoci o gli elettori…”

«Spero sinceramente che non si stia giocando una partita a scacchi ma che si cerchi seriamente un’ intesa, evitando di ascoltare i “consigliori” che non vogliono contaminazioni, né alleanze. Con i veti non si va da nessuna parte e ci si deve confrontare con chi è disponibile a rappresentare una coalizione intera». A parlare è Francesco Storace uno dei candidati a Sindaco di Roma. «Finora solo Alfio Marchini ha apprezzato la mia iniziativa di proporre un incontro a quattro per tentare di riuscire a vincere la sfida per il Campidoglio. Da Bertolaso e Meloni non ho ancora ricevuto risposte, ma questo non significa che non lo faranno: hanno l’intelligenza necessaria per capire che è impossibile negare la necessità di provarci a trovare la quadra. Ai giornalisti, sui ballottaggi, dobbiamo rispondere non con un’indicazione fra Pd e 5Stelle, ma con il lavoro per mandare uno fra noi alla sfida finale a due. Sapendo, ciascuno di noi quattro, che sarebbe una baggianata pensare di arrivarci da soli. Roma va conquistata. Se non siamo nemmeno capaci di parlare fra noi – argomenta Storace su Il Giornale d’Italia – il cittadino comune si volterà dall’altra parte. E per quel che mi riguarda non intendo mollare l’obiettivo dell’unità fino all’ultimo giorno utile alla presentazione delle liste. A Bertolaso e Meloni dico solo di dichiarare presto la loro disponibilità o meno a incontrarsi con me e Marchini. Abbiamo il diritto di sapere se questo tentativo si vuole esperire o no».