Salvini provoca: “Tra Pd e M5S? Al ballottaggio voterei i grillini”

Matteo Salvini continua a tenere banco. Le attenzioni del leader leghista in vista delle amministrative restano puntate su Roma e Torino, le due città nelle quali lo scontro con Forza Italia sulle candidatura è più aspro. Al segretario del Carroccio Guido Bertolaso e Osvaldo Napoli proprio non piacciono. Anzi, è convinto che nessuno di loro possa arrivare al ballottaggio, si legge su “Il Tempo”.

Salvini dice apertamente che al secondo turno la Lega voterà per i candidati del M5S

«Mi pare che le due candidate M5S a Roma e Torino hanno le idee chiare su quello che bisogna fare – rimarca – Se nelle due città ci fosse un ballottaggio tra Pd e Grillo voterei certamente per i candidati del M5S. Assolutamente. Il problema è Renzi, un governo incapace e pericoloso». La situazione più complessa resta Roma, dove nel fine settimana si terranno le «gazebarie», il referendum su Bertolaso. «L’unica cosa seria che Salvini potrebbe fare è convergere su di me. Sono l’unico candidato di destra», dice Francesco Storace, che comunque assicura: La Destra non porterà ai seggi truppe cammellate per votare contro l’ex capo della Protezione Civile.

Ma sulle «gazebarie» volute da Berlusconi i dubbi di Salvini sono tanti.

La Lega è diffidente, soprattutto per le incognite su modalità e contenuti. Ieri era previsto nella Capitale una riunione tra Salvini, Giorgetti e Centinaio per fare il punto della situazione, ma è stata rinviata per impegni politici del segretario. I dubbi di Salvini restano. La consultazione viene considerata «una grande novità» per il centrodestra, ma Matteo vuoi capire bene in cosa consisteranno. Anche perché FI e Fratelli d’Italia ancora non hanno contattato nessun esponente leghista per mettere a punto la strategia su organizzazione dell’evento e regole. Il segretario di via Bellerio sta a guardare e non alza i toni, forte dell’accordo con il Cav: in caso di bocciatura di Bertolaso, il Carroccio avrà «mani libere» e potrà cercare altre alleanze, convergendo su Alfio Marchini o Irene Pivetti o Storace.