La beffa: papà Boschi ha solo un orto e gli ex vertici di Banca Etruria sono nullatenenti

Al danno si aggiunge la beffa per i risparmiatori, gabbati due volte. «L’ex vicepresidente di Banca Etruria Pierluigi Boschi, papà del Ministro per le Riforme, possiede soltanto un orto. I risparmiatori, oltre ad essere stati derubati, vengono presi persino per i fondelli  dagli allora amministratori dell’istituto di credito, che evidentemente hanno intestato ad altri i beni di cui erano proprietari. Ancor più grave è il fatto che fra questi ci sia anche il padre di un esponente del governo in carica che ha emesso il provvedimento ‘salva-banche’ che ha causato la perdita dei risparmi». E’ quanto afferma il coordinatore dell’esecutivo nazionale di Fratelli d’Italia Giovanni Donzelli, che nel suo blog riporta i documenti dell’Agenzia delle Entrate, e commenta la scelta di alcune associazioni che tutelano i risparmiatori di non costituirsi parte civile nel procedimento per ostacolo alla vigilanza, per cui era in programma la prima udienza davanti al Gup, perché dalle visure effettuate risulta che «la quasi totalità degli amministratori sono nullatenenti».

Papà Boschi si cautela e per i risparmiatori addio rimborsi

È vergognoso che quasi tutti gli ex amministratori si siano tutelati da eventuali rimborsi a cui potrebbero essere condannati sbarazzandosi di qualsiasi proprietà. «Un fatto che spiega molto più di qualsiasi altro processo: oltre al danno provocato nei confronti di decine di migliaia di persone che avevano investito i propri risparmi, c’è ora anche la beffa. In tutto questo il governo tace sull’annunciato provvedimento riparatorio nei confronti dei risparmiatori, promesso e mai predisposto. Fra agevolazioni, intrecci, affari di famiglia e faccendieri, quella a cui stiamo assistendo si sta configurando sempre più come una vera e propria truffa aggravata di Renzi a danno dei cittadini»,  conclude Donzelli. che sul sul suo blog riporta i documenti dell’Agenzia delle Entrate.