Mps, il mistero continua: sarà riesumato il cadavere di David Rossi

Il mistero di Mps continua, ma la Procura della Repubblica di Siena vuol vederci chiaro e ha disposto la riesumazione della salma di David Rossi, ex capo area comunicazione di banca Mps morto il 6 marzo 2013. Fu davvero un suicidio o qualcuno che temeva la rivelazione di dettagli delicati sulle operazioni della banca rossa uccise o convinse a uccidersi il povero Rossi? «Era quello che ci aspettavamo», ha commentato con soddisfazionbe Luca Goracci, legale della famiglia Rossi, che aveva chiesto personalmente la riapertura dell’inchiesta sulla morte di Rossi. La sua tesi, da sempre, è che il giornalista sia stato ucciso da due persone. A novembre scorso era arrivata la decisione della procura di far ripartire le indagini, sulla base di tre perizie tecniche presentate dall’avvocato: una grafologica, una medico legale e una dinamica fisica sulla caduta del corpo dal terzo piano di Rocca Salimbeni. Ai primi di aprile verranno affidati gli incarichi sia per la riesumazione che per il sopralluogo.