Marò, la Ue «condivide» le preoccupazioni italiane

«L’Ue condivide la preoccupazione dell’Italia per una rapida soluzione della prolungata restrizione della libertà per i due marò»  e l’India «sottolinea la necessità che sia resa la dovuta giustizia alle famiglie dei pescatori indiani uccisi». Lo si legge nella parte delle conclusioni del vertice Ue-India sui marò, trattata nella riunione tra il premier indiano Narendra Modi, il presidente del Consiglio europeo Donald Tusk, il presidente della Commissione Jean Claude Juncker e l’Alto rappresentante Federica Mogherini. «Ue e India -prosegue la nota – anno espresso la loro fiducia nella procedura di arbitrato sul caso dei marò italiani attualmente in corso nel quadro della Convenzione Onu sulla legge del Mare (Unclos), alla quale India e Italia sono fortemente impegnate». «Nel testo è scritto che “entrambe le parti si impegnano a comporre il caso” sulla base dell’arbitrato».