Lombardia, respinta la sfiducia a Maroni che dice: nel 2018 mi ricandido

Il Consiglio regionale della Lombardia ha respinto, con 45 no e 31 sì, la mozione di sfiducia al governatore Roberto Maroni, presentata delle opposizioni (Pd, M5S, Patto civico) dopo il caso dell’arresto del leghista Fabio Rizzi. La maggioranza di centrodestra ha votato compatta contro; a favore, invece, le minoranze. Dopo il voto in aula i consiglieri del M5S hanno tolto le giacche e mostrato una felpa con la scritta ‘Fuori dai Maroni’ e suonato dei fischietti. Dopo essere stati già censurati, i cinquestelle sono stati espulsi dal presidente dell’aula Raffaele Cattaneo, tra le urla dei consiglieri di maggioranza che gridavano “pagliacci”.

Durante i tre minuti di sospensione decisi da Cattaneo, il presidente della Regione Maroni ha preso con fare scherzoso una delle felpe con la scritta e l’ha tenuta sul banco della Giunta. La seduta è poi ripresa per discutere l’urgenza del pdl per la creazione dell’Arac, tra le proteste dell’assemblea per l’ulteriore prolungamento dei lavori prima della pausa pranzo. Intanto i cinquestelle sono rimasti in piedi in Aula, nonostante fosse stato chiesto loro di abbandonare l’emiciclo.

“Non solo non mi dimetto – ha commentato Maroni – ma oggi ho deciso di ricandidarmi nel 2018 per far rivincere il centrodestra in Lombardia”. Con i giornalisti ha quindi sottolineato “la compattezza” della sua maggioranza nel voto.