Il premio di giornalismo politico Tatarella va quest’anno a Stefano Folli

Un comunicato informa che “è Stefano Folli, editorialista di Repubblica e già direttore del Corriere della sera, il vincitore dell’edizione 2016 del premio di giornalismo politico Giuseppe Tatarella. Il premio è promosso dalla fondazione Tatarella e patrocinato dalla presidenza del Consiglio dei ministri, dalla Camera dei deputati, dal Senato della Repubblica, dal consiglio nazionale dell’Ordine dei giornalisti, dalla regione Puglia e dal comune di Bari. La cerimonia di consegna si terrà mercoledì 9 marzo alle 19,30 a Roma, presso il Palazzo delle esposizioni di via Nazionale”.

L’attività giornalistica di Folli inizia dalle colonne del quotidiano La voce repubblicana, l’organo ufficiale del Pri. Il quotidiano chiude temporaneamente nel 1978 e torna in edicola tre anni dopo con Folli come direttore. Alla Voce Repubblicana rimane fino al 1989 quando si trasferisce al quotidiano romano Il Tempo. L’anno successivo inizia a collaborare con il Corriere della sera come notista politico. Dal 2003 al 2004 sostituisce Ferruccio De Bortoli alla direzione del Corriere della Sera. Dopo la fine anticipata del rapporto con il quotidiano di via Solferino, lo stesso De Bortoli lo chiama al Sole 24 Ore come editorialista.