Finti pulcinella e vera “monnezza” rovinano l’adunata di Bassolino

«Siamo in tanti, altro che fedelissimi. Tanti mondi della città. Siamo in questo teatro più o meno quanti tutti gli iscritti al Pd di Napoli». Con queste parole Antonio Bassolino, sconfitto alle primarie napoletane per la scelta del sindaco, apre la sua tormentata convention per ufficializzare il ricorso contro la proclamazione della renziana Valeria Valente come vincitrice delle primarie e sulle quali pendono pesanti accuse di brogli e manipolazioni. Un’esibizione muscolare per far ballare la dirigenza del partito ma anche un “ritorno” a casa, rovinato dalle pesanti contestazioni che lo hanno accolto all’ingresso del teatro.

Bassolino contestato da 4 pulcinella

Momenti di tensione hanno ritardato l’entrata trionfale di Bassolino all’Augusteo, uno dei teatri più grandi della capitale, che registrato il pienone delle grandi occasioni.  Quattro “pulcinella” hanno sfidato l’ex sindaco, a guidare la protesta il cassintegrato Mimmo Mignano, che ha annunciato di volersi candidare a sindaco con una lista autonoma. Si è addirittura sfiorata la rissa quando i “pulcinella”, agitando sacchi di spazzatura, hanno lanciato slogan del tipo “Bassolino al Creatore o a San Vittore”. È seguito un parapiglia con alcuni fan dell’ex governatore e soltanto l’intervento della polizia è riuscito a tranquillizzare gli animi mentre alcuni sostenitori di Bassolino separavano i contendenti e invitavano alla calma.

Pronto a correre da solo

«Qualcuno ha parlato di guerra interna, ma bisogna saper pesare le parole. La vera guerra civile che dobbiamo combattere è quella contro la camorra, senza chiudere gli occhi come molti fanno. Sono sceso in campo per un atto d’amore verso la città, non mi interessano divisioni e rese dei conti», ha detto l’ex sindaco, che è pronto a correre da solo sotto le insegne di una lista civica alternativa al Pd. A toccare le corde dei compagni è una giovane elettrice che dal palco si è detta «sconcertata» per la vicenda primarie ed è pronta a scommettere che Bassolino vincerà la corsa a sindaco.