Facevano arrivare droga e cellulari in carcere: 14 arresti a Velletri

Indagini silenziose e accurate, prima. Il blitz, le perquisiizoni e gli arresti, poi. I carabinieri del Comando Provinciale di Roma hanno eseguito in queste ore un provvedimento cautelare nei confronti di 14 persone ritenute responsabili di aver permesso l’introduzione nel carcere di Velletri di droga, cellulari e schede telefoniche usati dai detenuti. Nell’inchiesta sarebbero coinvolti un agente della polizia penitenziaria e un infermiere in servizio nel carcere.

Droga e cellulari in carcere a Velletri

Una maxi-operazione, quella portata a compimento dai carabinieri del Comando Provinciale di Roma, che hanno dato esecuzione al provvedimento cautelare nei confronti delle 14 persone, nelle province di Roma e Latina, e che ha previsto anche numerose perquisizioni eseguite in collaborazione con il Nucleo Investigativo Centrale della Polizia Penitenziaria, in alcune celle degli istituti di pena di Civitavecchia, Frosinone, Roma Rebibbia, Roma Regina Coeli, Campobasso, Viterbo e Spoleto. Le indagini, dirette dalla Procura di Velletri, si sono dunque estese a molti altri carceri del centro Italia.