Adesso Donald Trump non si ferma più. Più lo attaccano, più lui si rafforza

Donald Trump non si ferma più. L’ennesima dimostrazione di forza del tycon dal riporto biondo s’è avuta nell’undicesimo dibattito tra candidati repubblicani in onda su Fox Tv. Un dibattito che l’ha visto ancora una volta vincente. Ted Cruz, Marco Rubio e John Kasich sono arrivati a quest’ennesimo duello televisivo praticamente spompati. Senza forza né di argomenti né di postura. Loro mosci,  il miliardario di New York in grande spolvero: persino galante con la sua ‘nemica’ giornalista, Megyn Kelly, dopo la guerra tra i due che aveva portato Trump a boicottare un precedente dibattito organizzato dal network. Tra loro adesso solo convenevoli (“Un piacere essere qui con te Megyn, ti trovo bene” ha cinguettato sornione Trump): un ulteriore segnale che Donald è ormai l’indiscusso sebbene osteggiato frontrunner, il protagonista pressoche’ assoluto della campagna elettorale del Grand Old Party. Partito che lo osteggia ancora con forza, ma che non sembra per nulla in grado di invertire la tendenza nettamente a favore del miliardario. Perchè i voti di Trump sono già milioni. Addirittura molti di più di quanto arrivò a sostegno di Barack Obama otto anni addietro. Gli americani sembrano infatti gradire il messaggio antisistema che Donald Trump sta veicolando. Soprattutto quella classe media che è uscita massacrata dalle politiche neo liberiste della Casa Bianca di Obama. E perciò corrono ad iscriversi alle liste dei repubblicani per potere sostenere Trump. Così quei tre candidati avversari ancora formalmente in corsa, si sono trovati con le spalle al muro. Costretti ad ammettere, sia Rubio, sia Cruz, sia Kasich, che se davvero Donald Trump otterra’ la nomination, saranno pronti a sostenerla. Una parvenza di responsabilita’, nella speranza che a qualcosa sia servito ‘scomodare’ Mitt Romney, candidato repubblicano sconfitto da Obama, per additare Trump come il candidato sbagliato. Anche se, come al solito, la caustica risposta del magnate ha colpito assai più dell’avvertimento dell’ex candidato: Romney, ha detto Trump in diretta Tv “è solo un candidato fallito, vuole tornare in campo“. Devastante, chiaro e concreto: ecco perchè Trump non si ferma più.