Dalla copertina di Qq alla Casa Bianca? Fotostoria di Melania Trump (gallery)

Che genere di first lady sarebbe Melania Trump? “Sarei come Betty Ford e Jackie Kennedy, lo sosterrei”. Così parlò la signora bionda che accompagna sempre il candidato alle primarie – e quasi ufficiale per la Casa Bianca – nel 1999, quando  uno scrittore del New York Times le chiese che tipo di first lady sarebbe stata. Oggi, diciassette anni dopo, a Fox News, ha risposto suppergiù nello stesso modo: “Mi piace mettere me stessa al 100% in quello che faccio e se gli americani dovessero scegliere mio marito sarei pronta a sostenerlo, a sostenere gli Stati Uniti e a sostenere i cittadini. Le persone hanno bisogno di noi, soprattutto le donne e i bambini”.

Nata in Slovenia il 26 aprile del 1970, dopo gli studi all’Università di Lubiana, ha intrapreso una felice carriera di modella, prima di diventare la signora Trump e, magari, la prossima first lady americana. Melania, che con Donald ha un figlio di 9 anni di nome Barron, ricorda così il primo incontro col marito: “Ci siamo incontrati a una festa della Fashion Week a New York”, ha ricordato nella stessa intervista. “Mi piacque subito il suo grande charme, ma era in compagnia di un’altra donna. Mi colpì la sua grande energia e la sua grande mente. Ci rivedemmo una settimana dopo quando lo chiamai io. Non avevo voluto lasciargli il mio numero ma gli chiesi il suo”, ha aggiunto la aspirante first lady, che compare spesso nelle foto ufficiali del marito miliardario.

“Il primo appuntamento fu splendido, siamo rimasti a lungo insieme perché ci fu subito una grande chimica. Siamo stati insieme tanti anni prima di sposarci, ci sposammo in chiesa a Palm Beach nel 2005 e alla cerimonia parteciparono anche Hillary Clinton e Bill”, aggiunge l’ex modella, che conduce la vita “normale” di una signora molto ricca, almeno a giudicare dalle foto che pubblica – da sempre – sui social network. Terza moglie del magnate che sta scalando il partito repubblicano, Melania viene segnalata per una serie di primati che potrebbe infrangere se davvero il marito dovesse fare il suo ingresso alla Casa Bianca: sarebbe la prima first lady ad avere posato per un magazine maschile – avvenne per GQ Inghilterra  nel gennaio del 2000 -, la  prima ad essere nata sotto un governo comunista, la prima  ad avere intestata una sua linea di moda. (Foto Instagram, Twitter)