Boldrini vuole più migranti, la Meloni s’infuria: no, servono più figli italiani

La solita solfa, a beneficio della sua platea politica di sinistra, buonista e teorica del “tutti dentro”. Laura Boldrini, presidente della Camera, solo ieri aveva twittato su social il suo invito ai migranti ad entrare in Italia, “almeno 300mila all’anno, perché siamo un Paese a crescita zero” e dunque servono forze fresche, altrimenti negli anni a venire potremmo trovarci senza forza lavoro. Una posizione che la leader di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni, considera sconsiderata oltreché offensiva nei confronti delle famiglie italiane che provano, con difficoltà, a fare figli e a mantenerli.
Ecco cosa ha scritto sulla sua pagina Facebook Giorgia Meloni: “Cara Boldrini, la soluzione non è sostituire gli italiani con gli immigrati, ma permettere agli italiani di fare figli. Grazie per ricordarmi ogni volta perché non sono comunista”, è il post con cui ha replicato a Laura Boldrini che ieri osservava come, per garantire una popolazione di 66 milioni di italiani, il nostro Paese dovrà consentire l’accesso ogni anno a 300-400 mila migranti.
Sul web, come spesso accade quando parla la Boldrini, sono piovute accuse e ironie all’indirizzo del presidente della Camera: “Invece di favorire l’invasione degli immigrati clandestini in Italia, sarebbe meglio una politica di crescita del popolo italiano! Ma questa ideologia è “Fascista” come il baffina di D’Alema ha sentenziato! Maledetti comunisti antiitaliani!!”, scrive un utente di Fb. “Potrai permetterti di fare proposte del genere agli italiani, anzi, alle italiane! Ma pensa a trovare una soluzione per far sì che gli italiani prolifichino invece di speculare anche tu sugli immigrati in questa maniera!”, aggiunge un altro.