Bassolino sfida il Pd: sabato scenderà in campo con una lista civica

È ancora scontro nel Pd sulle primarie con Antonio Bassolino che starebbe valutando la possibilità di scendere in campo con una propria lista civica. «Sabato ore 10.30 al teatro Augusteo ‪#napoliriparte». È l’appuntamento che annuncia a tutti l’ex governatore della Campania su Facebook, il giorno dopo la bocciatura del suo ricorso per l’esito delle primarie di centrosinistra che si sono svolte domenica scorsa a Napoli.

Bassolino e il ricorso bocciato

Nel frattempo sono emerse le motivazioni del no al ricorso. La richiesta è stato bocciata perché giunta in ritardo, ma anche perché i fatti raccontati nel video di Fanpage non sono in grado di mettere in discussione il voto espresso in quei seggi. La decisione emerge dal verbale delle riunione della commissione di garanzia per le primarie del centrosinistra a Napoli che il Pd ha deciso di mettere integralmente sulla pagina “primarienapoli.it”. Nel documento si racconta l’intera seduta, ma particolarmente interessanti sono i passaggi che portano alla bocciatura del ricorso dell’ex governatore della Campania. «La commissione – si legge – dopo ampia discussione, non nasconde la esecrabilità di alcuni episodi visibili nei due minuti e mezzo di video di fanpage, tuttavia ritiene che tali fatti non siano in grado di mettere in discussione il voto espresso in quei seggi». Intanto la diretta avversaria di Bassolino, Valeria Valente puntualizza ancora una volta che non ci sono stati brogli nella consultazione e che il risultato è regolare: «Io sto cercando Bassolino, da parte mia c’è tutta la disponibilità, ma ci deve essere anche dall’altra parte». Mentre l’ex segretario Pd Pier Luigi Bersani va all’attacco e parla di “fatti incredibili”. Dal canto suo, su Twitter Stefano Caldoro scrive: «Antonio Bassolino si avvia in una sfida difficile e mette in campo il coraggio che il #Pd non ebbe quando #DeLuca “trucco” le #primarie».