Assaltarono il Consolato: 13 tunisini a processo per sequestro di persona

Il 22 aprile 2011 alcuni tunisini occuparono la sede del consolato della Tunisia a Genova, in via XX Settembre, per protestare contro il dittatore Ben Ali. L’onda della primavera araba era arrivata fino alla Liguria. Tredici tunisini sono stati però indagati per sequestro di persona e oggi il pm ha chiesto il loro rinvio a giudizio. Il gruppo era entrato nella sede diplomatica chiedendo la rimozione del rappresentante diplomatico Slaheddine Ben Abid, accusandolo di essere legato all’ex dittatore destituito.

I tunisini avevano sequestrato il console: rinviati a giudizio

I tredici tunisini, secondo l’accusa, avevano impedito al console e ai dipendenti di uscire dalla sede, chiudendola dall’interno, e avevano bloccato tutte le comunicazioni con l’esterno vietando di telefonare. L’occupazione, che secondo l’accusa è stato un sequestro, era andata avanti dalle due del pomeriggio fino a notte inoltrata, risolvendosi poi con la liberazione del console e dei dipendenti grazie alla mediazione dei carabinieri. Il pm Emilio Gatti ha chiuso le indagini e chiesto il rinvio a giudizio. L’udienza preliminare si svolgerà il prossimo giugno davanti al gup Nadia Magrini.