Antagonisti aggrediscono militanti di CasaPound: ferito un poliziotto

Un dirigente della polizia di Stato è rimasto ferito nel corso di scontri tra esponenti di CasaPound e gli antagonisti dei centri sociali ad Acerra, nel Napoletano. Il dirigente della polizia ha riportato un trauma facciale giudicato guaribile in 15 giorni, mentre tre persone sono state denunciate e sono in corso accertamenti per identificare anche le altre che hanno partecipato alla rissa. Secondo quanto si è appreso, gli scontri sono avvenuti nella centralissima piazza San Pietro, dove era in corso un volantinaggio autorizzato da parte di alcuni esponenti di CasaPound, che avevano installato anche un gazebo. I giovani di CasaPound sono stati raggiunti da alcuni militanti di movimenti di estrema sinistra locale che hanno cominciato una provocazione finita in rissa. Sul posto sono intervenuti gli agenti di polizia di Stato che hanno subito sedato la rissa, ma uno dei dirigenti è stato colpito al volto con un oggetto.

CasaPound: Noi provocati da una manifestazione non autorizzata

In una nota, CasaPound specifica quanto è accaduto: «Durante il nostro banchetto, sono sopraggiunti, a scaglioni, alcuni appartenenti all’area antagonista, dapprima tentando di impedirci di effettuare il volantinaggio e poi tentando addirittura di spostare il gazebo. Non riuscendo a impedirci di proseguire nelle nostre attività, hanno improvvisato una manifestazione non autorizzata bloccando il traffico veicolare in una delle principali arterie commerciali di Acerra». Un «episodio che si rivela essere ancor più grave data l’assoluta regolarità del banchetto, provvisto di ogni autorizzazione del caso, a fronte invece della manifestazione non autorizzata degli antagonisti».