Abbracciavano gli anziani e poi li derubavano: arrestate due nomadi

Due nomadi lucchesi di origine sinti sono state individuate dai carabinieri della compagnia di Pisa e denunciate per furto con destrezza per sette episodi avvenuti tra il 2014 e il 2015 a Lucca, Pisa e Aprilia (Latina). L’indagine, denominata “Baci e abbracci” proprio per la tecnica utilizzata di derubare le persone dopo averle abbracciate, ha permesso agli inquirenti di individuarle grazie alle descrizioni fornite dalle vittime, quasi sempre persone anziane tra i 70 e gli 80 anni. Le due sinti, di 49 e 36 anni, già conosciute alle forze dell’ordine, sono state riconosciute dalle persone derubate e i carabinieri hanno attribuito loro sette furti consumati in Lucchesia, a San Giuliano Terme (Pisa) e ad Aprilia: le donne si fingevano conoscenti delle loro anziane vittime e con la scusa di abbracciarle riuscivano a sfilare loro il portafogli dalla tasca o le collane indossate per poi allontanarsi in tutta fretta. In qualche caso i derubati sono riusciti però a fornire agli investigatori informazioni utili sull’aspetto fisico delle ladre e sul modello di auto utilizzata per fuggire.