Zika, il virus arriva a Rimini: contagiato in vacanza a Santo Domingo

Dopo il Padovano e la capitale, il virus Zika è arrivato anche a Rimini. A contrarlo un trentenne riminese rientrato da una vacanza a Santo Domingo. È il primo caso in Emilia Romagna. L’uomo era rientrato a fine gennaio e dopo pochi giorni aveva accusato i classici sintomi: febbre alta, congiuntivite e dolori articolari.

Virus Zika, primo caso a Rimini

L’uomo si è rivolto al suo medico di base il quale, allertato dalla situazione e rilevando la concomitanza dei sintomi che il suo paziente accusava con il virus Zika, gli ha prescritto accertamenti al dipartimento di microbiologia del Sant’Orsola di Bologna. Solo dopo il prelievo di rito, le analisi del sangue hanno confermato la positività al virus, trasmesso attraverso la puntura di una zanzara.

La conferma dell’Ausl Romagna

È il primo caso in Emilia-Romagna, riportato anche dal quotidiano Il Resto del Carlino, confermato dalla dottoressa Raffaella Angelini, direttrice del Dipartimento di sanità pubblica dell’Ausl Romagna. Il virus Zika si contrae principalmente con il pizzico della zanzara tigre. La sintomatologia normalmente rientra da sola e non è necessaria una terapia specifica. I rischi maggiori, però legati a un eventuale contagio, riguardano le donne in gravidanza. In sud America, infatti, dove il virus è attualmente diffuso, si ritiene che possa essere responsabile di casi di microcefalia dei nascituri.