Vince Sala: a Milano va in scena l’ennesimo suicidio della sinistra

Il super-favorito ha vinto, Beppe Sala è il candidato sindaco del centrosinistra milanese. Col 42,28 per cento dei voti mister Expo ha battuto Francesca Balzani, la vicesindaco uscente sostenuta da Giuliano Pisapia, ferma al 33,97 e Pierfrancesco Majorino, l’assessore al Welfare staccato a quota 23,02. Una vittoria netta, ma non schiacciante. E che apre nuove ferite a sinistra. Perché la somma dei voti raccolta dei due sfidanti è superiore al dato di Sala.

La mancata «sintesi» tra Majorino e Balzani ha favorito la vittoria di Sala

La più convinta sostenitrice di questa tesi è la stessa Balzani: «Sono molto rammaricata. Fino all’ultimo giorno ho continuato a ripetere a Majorino che la porta era aperta. Superare i protagonismi sarebbe stato importante». Nonostante le polemiche sul voto della comunità cinese e un’affluenza più bassa rispetto a quella del 2010 (6 mila votanti in meno), le primarie milanesi si confermano evento politico di primissimo piano. La lettura della vigilia era facilissima, scrive “il Corriere della Sera”: Sala candidato del Partito della nazione, Balzani portabandiera di un centrosinistra classico allargato a Sel e al civismo. Ma l’uomo di Expo è stato abilissimo nel non cadere nella trappola, richiamando a ogni passaggio l’autonomia di Milano dagli schemi della politica romana. «Le primarie erano un ostacolo non facile per me. Sono molto contento. Stasera ha vinto Milano», le prime parole dell’aspirante sindaco.

Il premier Matteo Renzi è stato prontissimo a congratularsi con Sala

«Ringrazio tutti coloro che hanno votato, i volontari che hanno lavorato ai gazebo e i candidati che si sono confrontati sul futuro di questa grande città», ha detto il premier. Gli sconfitti assicurano lealtà e collaborazione al vincitore. «Adesso l’unica ossessione — ha ripetuto Majorino — deve essere vincere contro il centrodestra». Giuliano Pisapia, nonostante la sconfitta della «sua» candidata, garantisce che l’esperienza arancione non sarà archiviata con la vittoria di Sala.