Tiziano Ferro ambasciatore di Save The Children: «I bambini prima di tutto»

Note di solidarietà: e Tiziano Ferro diventa “ambasciatore” di Save the Children. Fedele alla tradizione della nota organizzazione umanitaria che opera in sostegno dei piccoli bisognosi disseminati sul pianeta, il cantante – una delle voci italiane più note e più amate – ha scelto di unirsi alla prestigiosa schiera di volti celebri in prestito alla causa umanitaria e attivamente impegnati nel sociale.

Tiziano Ferro è il nuovo ambasciatore di Save The Children

Così, l’esercito della più grande organizzazione internazionale indipendente, che dal 1919 lotta per migliorare la vita dei bambini, operando in 120 paesi, si arricchisce del contributo di Tiziano Ferro, una delle voci più apprezzate nel panorama musicale internazionale e nel nostro Paese, che ha scelto di diventare il nuovo ambasciatore di Save the Children, sostenendo l’organizzazione nel suo impegno a favore dei minori in pericolo in Italia e nel mondo. «È con grande onore e gioia che inizio questo viaggio con Save the Children, che già da qualche anno seguo con interesse e stima», ha dichiarato a conferma del suo nuovo incarico Ferro, augurandosi «che nascano tante idee e si possa fare del gran bene a chi ne ha bisogno. I bambini prima di tutto!» ha chiosato il cantante. E Save the Children ha immediatamente corrisposto in affetto e stima, ribadendo come il fatto che Tiziano Ferro sia «un artista molto amato dal suo pubblico» renda tutti gli organizzatori di Save the Children «particolarmente felici che abbia scelto di unirsi» all’organizzazione internazionale e di «essere al nostro fianco per combattere per i bambini di tutto il mondo, sempre e comunque. La sua voce risuonerà forte per fare sentire quella, troppe volte inascoltata, dei bambini più poveri ed emarginati», ha commentato Valerio Neri, direttore generale di Save the Children Italia.

La nomina a ridosso della denuncia del dramma del campo di Idomeni

Una nomina, quella di Tiziano Ferro ad ambasciatore dell’organizzazione umanitaria, arrivata proprio a ridosso della denuncia fatta, tra gli altri, soprattutto da Save the Children, della situazione incandescente che si sta protraendo in queste ore soprattutto al confine tra Grecia e Macedonia. In particolare, l’attenzione della nota organizzazione internazionale è concentrata in special modo sul campo greco di Idomeni, dove si stima che circa 2.000 bambini siano intrappolati e dove, da quando è stato ridotto drasticamente il numero di passaggi alla frontiera, migliaia di adulti – e di minori – provenienti per lo più da Siria e Iraq, vivono in condizioni inaccettabili. Da oggi, allora, anche la voce di Tiziano Ferro si unirà al coro degli aiuti.