Su Regeni orribili torture: sette costole rotte e scosse elettriche sul corpo

I dettagli sulle torture inflitte al ricercatore italiano sono raccapriccianti: sette costole rotte e scosse elettriche perfino sui testicoli. Un orrore sul quale si cerca una verità che qualcuno non vuole rivelare. La magistratura egiziana sta visionando registrazioni di videosorveglianza della zona dove è scomparso Giulio Regeni, il giovane ricercatore friulano torturato a morte al Cairo. Lo confermano fonti nella capitale egiziana rimandando ad informazioni rilanciate dal sito egiziano al Watan. “I responsabili della Procura”, ha scritto il sito, “continuano a visionare le videocamere dei negozi e di certi appartamenti”. “Le indagini degli apparati di sicurezza hanno affermato che l’ultimo posto dove si trovava Giulio Regeni era via Sudan”, ha premesso il sito accreditando un dato emerso il giorno prima. “E immediatamente le forze di sicurezza hanno setacciato la strada, in particolare i negozi che vi si affacciano, per informarsi se ci sono videocamere che abbiano ripreso immagini della vittima”, aggiunge El Watan senza precisare le proprie fonti ma segnalando che la Procura di Giza, “sotto la direzione del giudice Ahmed Nagy, ha ricevuto il rapporto di medicina legale” su Regeni. “I responsabili della Procura hanno anche interrogato gli abitanti del suo immobile”. Ieri il New York Times aveva riferito come un “testimone” sostenga che il fermo dell’italiano da parte di due agenti in borghese sarebbe stato “ripreso da quattro telecamere di sorveglianza” di altrettanti negozi del quartiere ma la polizia egiziana “non ha ancora chiesto le registrazioni video”.

Ostacoli alle indagini italiane su Regeni

Gli investigatori italiani al Cairo starebbero faticando molto a raccogliere elementi sulla fine del ricercatore italiano, Giulio Regeni, ritrovato morto il 3 febbraio scorso. Le attività investigative in loco, infatti, vanno avanti con lentezza anche, probabilmente, per le metodologie di indagine utilizzate dagli apparati di sicurezza egiziani diverse dalle nostre. La raccolta di prove prosegue ma, secondo quanto si apprende, al momento l’ipotesi del coinvolgimento di organismi egiziani nella vicenda sembra la più accreditata tra gli inquirenti.