Sfoggia maglietta con Putin in una partita in Turchia: bufera su calciatore russo

Ennesimo incidente internazionale tra Russia e Turchia, anche se stavolta si tratta di calcio: casus belli, una maglietta con l’immagine di Vladimir Putin che indossa un cappello della marina sopra la scritta «Il presidente più educato». Sta suscitando polemiche l’omaggio riservato dal calciatore russo Dmitri Tarasov al leader del Cremlino al termine della partita di Europa League tra Fenerbahçe e Lokomotiv Mosca, giocata martedì sera a Istanbul mentre i rapporti tra Russia e Turchia – già in crisi dopo l’abbattimento del jet di Mosca da parte dei caccia di Ankara a novembre – sono sempre più ai ferri corti sulla crisi siriana. «È il mio presidente. Lo rispetto e ho deciso di mostrare che sono sempre con lui e sono pronto a dare il mio sostegno», ha spiegato Tarasov ai media russi.

Il pullman russo era stato attaccato dai tifosi turchi

Un gesto che potrebbe costargli anche una sanzione disciplinare da parte della Uefa, che in passato ha più volte punito manifestazioni politiche sui campi di calcio. Prima del match, alcuni ultras turchi avevano lanciato bottiglie contro l’autobus che trasportava la squadra del Lokomotiv, danneggiando uno dei finestrini. La polizia ha fermato tre persone per gli incidenti. Per la cronaca, il Fenerbahçe ha vinto la partita, valida per l’andata dei sedicesimi di finale, con il punteggio di 2-0.