Primarie per il sindaco di Roma: il 70% degli elettori di centrodestra le vuole

Nel corso della trasmissione Piazza Pulita su La7, sono stati pubblicati i risultati di un sondaggio sulle primarie per il sindaco di Roma. Alla domanda: «A Roma ci vogliono le primarie?». Gli interpellati hanno risposto sì per il 66,8%. Tra gli elettori di centrodestra, la richiesta di primarie, a sorpresa, è stata superiore a quelli di centrosinistra. Infatti, per il 70,4% di chi si dichiara di centrodestra sono necessarie le primarie per decidere il candidato sindaco, mentre appena il 63,9% dell’elettorato di centrosinistra si è detto favorevole. La questione  “Affittopoli” ha scaldato gli animi di Francesco Storace e Stefano Fassina, ospiti della trasmissione condotta da Corrado Formigli ed entrambi candidati a sindaco. «Voi avete provocato questo casino, voi che avete governato il Comune per 30 anni» ha attaccato Storace. «Ma tu ti sei dimenticato che sei stato il presidente della Regione Lazio? Hai lasciato un buco di un miliardo sulla Sanità», ha replicato l’esponente di Sinistra Italiana – Almeno non parlare, ora vieni a dare lezioni di efficienza amministrativa tu che hai amministrato il Lazio per cinque anni».

«Affittopoli? Chiedete all’ex sindaco di Roma Veltroni»

Da parte sua, Storace ha posto delle questioni sulla quale interrogarsi tutti. «Io vorrei che in questa città grande dove ci sono immensi problemi sociali il Comune si ponesse un problema che si chiama giustizia sociale. C’è tanta gente che ha bisogno della casa, tanta gente a cui la devi dare ed è uno scandalo quello che abbiamo letto sui giornali». A proposito del caso Afittopoli nella Capitale, l’ex governatore del Lazio ed ex ministro della Salute, ha ricordato: «Nel 2007 c’è stato il censimento con la giunta Veltroni di tutti gli stabili occupati e si è stabilito che il 25% non venisse sgomberato ma dato alle associazioni. È una cosa normale?».

primarie