Colonia, prima condanna: marocchino se la cava con una multa da 100 euro

È stata emessa la prima sentenza ad un processo per le violenze avvenute nella notte di San Silvestro a Colonia: un ventitreenne originario del Marocco è stato condannato per furto a sei mesi di carcere con la sospensione della pena e al pagamento di 100 euro di sanzione. Il giovane ha scippato il cellulare a una donna che si trovava intorno alle 23 davanti al Duomo di Colonia e che stava scattando una foto alla celebre cattedrale. Nella notte di Capodanno centinaia di donne hanno denunciato aggressioni e molestie sessuali da parte di stranieri. Le denunce nel complesso sono state 1054. Nella metà dei casi si è trattato di aggressioni sessuali, gli altri reati sono borseggi, furti, lesioni e ingiurie. La polizia ha identificato 59 sospetti, in maggioranza marocchini e algerini (tre immigrati finiti nel gruppo dei sospettati sono giunti con la recente ondata migratoria). La cancelliera Angela Merkel aveva annunciato massima severità nel punire i responsabili ma a due mesi da quella notte tragica il risultato è una sola condanna per furto.