Parricidio 5stelle? Grillo esce dal simbolo: la rete ha deciso

Una svolta radicale. Era nell’aria da un po’ ma ora è ufficiale, la rete ha deciso: Beppe Grillo esce ufficialmente e per sempre dal simbolo del movimento Cinquestelle. Parricidio? O necessità di superare la paternità del comico (che nell’ultimo spettacolo ha ipotizzato un addio dall’impegno pubblico e non ha fatto mistero della confusione tra artista e politico)?

Grillo fuori dal simbolo

La notizia è annunciata con poche righe dal blog di Grillo. A margine del nuovo simbolo spogliato del nome del suo fondatore si spiegano le ragioni della nuova grafica e si invitano gli eletti a utilizzare il nuovo logo. A «seguito della votazione del 17 novembre 2015 e delle varie procedure burocratiche adottate presso il Parlamento italiano ed europeo, le regioni e i comuni oggi si conclude il processo per la modifica del logo del Movimento 5 Stelle». Poi si chiarisce che per la modifica è stato aggiornato anche il “non statuto” mentre il blog invita tutti gli eletti del movimento a cariche dello Stato a utilizzare da oggi esclusivamente il nuovo logo.

I Cinquestelle sono adulti

II simbolo grillino (cinque stelle gialle, la V di movimento con un chiaro riferimento al Vaffa-day) fu utilizzato per la prima volta alle amministrative del 2009 e fu presentato dallo stesso Grillo il 3 dicembre. Il blog che annuncia le modifiche fa riferimento al 17 novembre 2015, quando Grillo aprì le consultazioni sul nuovo logo con l’avvertenza di non discostarsi troppo da quello attuale. «Io ci ho messo la faccia, il nome e anche il cuore, ma oggi che il MoVimento 5 Stelle è diventato adulto e si appresta a governare l’Italia; credo che sia corretto non associarlo più a un nome, ma a tutte le persone che ne fanno parte».