Il Papa ai giovani tossicodipendenti: non fatevi divorare dalla droga

Papa Francesco ha visitato una comunità di recupero di tossicodipendenti del Ceis di don Mario Picchi ai castelli Romani. La visita rientra nelle uscite private dei cosiddetti ‘Venerdì della Misericordia’. A dicembre il Papa era stato alla Caritas di Roma, a gennaio in una casa di accoglienza per anziani e in un istituto per malati gravi; oggi è stata la volta dell’incontro con giovani tossicodipendenti coinvolti in progetti di recupero.

Dopo il duro monito contro il narcotraffico espresso più volte durante il recente viaggio in Messico, Bergoglio ha voluto testimoniare la sua vicinanza alle persone che stanno lottando contro la dipendenza dalle droghe incontrando i 60 ospiti della comunità terapeutica San Carlo, aperta nel 1979 ai Castelli Romani da don Mario Picchi, da sempre considerato il laboratorio del Ceis. “Siamo rimasti senza parole – ha affermato Roberto Mineo, presidente del Centro Italiano di Solidarietà – quando abbiamo visto l’auto con il Papa entrare nella struttura dove i nostri ragazzi combattono ogni giorno la loro battaglia per tornare alla vita. Francesco era senza scorta accompagnato soltanto da monsignor Rino Fisichella. Il Papa sembrava a casa sia con gli operatori e i volontari del Centro sia con i tossicodipendenti. Si è intrattenuto a lungo con ciascuno di loro come un padre premuroso ascoltando le loro storie e abbracciandoli a uno a uno. Alcuni ragazzi gli hanno mostrato le foto delle loro famiglie, dei loro figli e il Papa ha avuto per tutti una parola di speranza e una benedizione”.

“La sorpresa –  conferma la nota del Vaticano – è stata generale. Nessuno si aspettava di vedere Papa Francesco e la profonda commozione ha toccato tutti. Il Papa è voluto rimanere insieme ai giovani, ha ascoltato le loro storie e ha fatto sentire ad ognuno la sua vicinanza. Li ha provocati a non lasciarsi divorare dalla ‘metastasi’ della droga e, abbracciandoli, ha voluto far comprendere quanto il cammino iniziato in comunità è una reale possibilità per ricominciare a esprimere una vita degna di essere vissuta”.