Minacciavano e rapinavano i ragazzi dell’Eur: arrestato un 17enne rom

Sgominata la banda dell’Eur a Roma che ha seminato il terrore nella zona minacciando e rapinando minori dopo averli accerchiati in gruppo. Ad intercettare la banda sono stati gli agenti di polizia che hanno arrestato uno dei responsabili dei colpi nella zona del IX Municipio. Diciassette anni, di etnia rom, il giovane faceva parte di una banda composta da altri due giovanissimi ancora ricercati dagli investigatori. Da tempo incombevano soprattutto nella zona adiacente il laghetto dell’Eur: individuavano una possibile vittima, solitamente minorenni della loro stessa età, la avvicinavano, la spaventavano allo scopo di rapinarla del portafogli, telefoni cellulari, orologi e altri oggetti. Sono stati gli agenti del Commissariato Esposizione al termine di un’indagine ad individuare il minorenne. Dopo diverse denunce presentate negli uffici di Polizia, nell’ultimo periodo, gli inquirenti sono risaliti ad un comune “modus operandi” che ha permesso di circoscrivere le indagini. Soprattutto dalla descrizione dei giovani rapinatori e dalle zone indicate dalle vittime, gli investigatori hanno effettuato diversi appostamenti che hanno condotto ad individuare uno dei componenti della banda, riconosciuto in particolare quale responsabile di una rapina avvenuta lo scorso 4 gennaio. Sorpreso in uno degli accampamenti rom della zona, il giovane è stato arrestato e condotto nel carcere minorile.