Lite in diretta tra Brunetta e Minoli a radio24: una sequenza già stracult

Renato Brunetta e Giovanni Minoli. Ovvero, fuoco e fiamme. O cane e gatto. Insomma, i due se le sono date di santa ragione. Una lite di prima mattina e via etere. Dai microfoni evidentemente non più paludati di Radio24. Urla, accuse e sberleffi. Tutto a beneficio dell’ascoltatore che, in effetti,  si dev’essere divertito tantissimo. Perchè lo scontro in effetti è stato sanguigno, ma da ridere. Tutto da ridere. Uno di quegli scazzi imperdibili che poi fanno la fortuna di alcune trasmissioni. Scazzo che, nella fattispecie, dura più di cinque minuti. Eccone una sequenza: “Voi avete votato a favore del bail-in in Europa”, “Onorevole Minoli, mi lasci parlare”. ” Non sono onorevole”. “E’ proprio fuori, non c’è niente da fare”. Il giornalista allora prova a fare il suo mestiere e domanda. Ma Brunetta è un fiume in piena e gli dice che “sbaglia le domande”. Così Minoli, di fronte alle bacchettate serrate di Brunetta, si arrende e urla: “Ma basta! Brunetta, basta!“. Poi commenta: “Questo è mitomane“. “No, lei è mitomane e anche scortese e offensivo!” – si infervora il deputato – “Adesso ho capito perché l’hanno cacciato dalla Rai“. “Non mi hanno cacciato, mi dispiace” – risponde Minoli – “Lei è mal informato, si deve informare se non sa niente!”. E mormora: “E’ fuori proprio, non c’è niente da fare”. Insomma un botta e risposta che è già stracult sui social e che noi regaliamo integralmente al lettore.