Il giorno del santo: migliaia di romani per l’arrivo delle spoglie di Padre Pio

Migliaia di fedeli e mezza Roma paralizzata per l’arrivo delle spoglie di Padre Pio nella basilica di San Lorenzo fuori le Mura, prima tappa dell’evento giubilare voluto da Papa Francesco. Alcune migliaia di fedeli hanno atteso l’arrivo del frate da Pietralcina, proclamato santo da Giovanni Paolo II, il 16 giugno 2002. Il frate cappuccino verrà quindi  venerato addirittura in San Pietro per il Giubileo della Misericordia, per volontà di Papa Francesco. Le spoglie di san Pio da Pietrelcina avevano lasciato la mattina, a bordo di un furgone, la chiesa superiore a lui dedicata a San Giovanni Rotondo per essere traslate temporaneamente nella Capitale.

Padre Pio, avversato dai vertici, amato dalla gente

Padre Pio, al secolo Francesco Forgione, era nato a Pietrelcina nel 1887 in una famiglia di contadini. Entrato in noviziato a 16 anni, il 10 maggio del 1910 era stato ordinato prete a san Giovanni Rotondo, in provincia di Foggia, dove poi creò dal nulla un grande ospedale e diverse opere caritative. Uomo di carattere energico, fece anche profezie sulla vita delle persone e non di rado cacciò qualcuno che cercava di accostarsi al suo confessionale, quando non riscontrava un pentimento sincero. «Il luogo dove esercitava maggiormente carità e misericordia era il confessionale, potremmo dire che era la sua cattedra», ha spiegato monsignor Michele Castoro, arcivescovo di Manfredonia-Vieste-San Giovanni Rotondo alla Radio Vaticana. «Era nel confessionale che avvenivano i miracoli: padre Pio i grandi miracoli li ha compiuti più nella sfera dello spirituale che del corporale. E lì, nel segreto del confessionale, avvenivano le grandi conversioni al cattolicesimo. Se allontanava qualcuno con fare burbero – ha aggiunto monsignor Castoro – era per far prendere coscienza al penitente del mistero che stava vivendo». Amato dai fedeli ma spesso in passato avversato dalle gerarchie ecclesiastiche, Padre Pio ricevette visite da tutto il mondo: nel 1947, tra i tanti che si fanno confessare c’è anche un giovane prete polacco, Karol Wojtyla. Nasce una leggenda, che non ha mai trovato conferma, secondo la quale padre Pio avrebbe predetto: «Tu diventerai papa, ma io vedo anche sangue e violenza su di te». Il frate, stanco e provato dalle infermità, morì il 23 settembre 1968.