L’ex Br Adriana Faranda darà lezioni ai magistrati. E scoppia la rissa tra toghe

FacebookPrintCondividi

Ci risiamo. Un’altra ex terrorista rossa in cattedra, come già in passato i vari Curcio, Franceschini e Morucci. Stavolta è l’invito rivolto ad Adriana Faranda a partecipare nella sede della Scuola della magistratura a un corso di formazione per i giudici sulla giustizia riparativa, che si aprirà domani a Scandicci, a provocare una polemica tra le toghe. E sulla mailing list delle correnti di sinistra della magistratura si apre un dibattito acceso tra chi difende l’iniziativa e chi invece la ritiene “assurda” . È “attonita”, prima ancora che “amareggiata”, Alessandra Galli, figlia del giudice Guido ucciso da Prima Linea, che esprime il suo “sconcerto” non per l’argomento dell’incontro,”ma per la decisione di invitarvi Adriana Faranda. È inaccettabile il dialogo in una sede istituzionale come questa con chi ha ucciso per sovvertire lo Stato e la Costituzione alla quale noi, come magistrati abbiamo giurato fedeltà”. Analoghe le riserve del procuratore di Torino Armando Spataro, che fu tra i più importanti collaboratori del generale Dalla Chiesa nella lotta al terrorismo, insieme a tanti altri eroi dimenticati, come si ricorda in questo libro: “Le mie perplessità non sono affatto collegate all’oggetto del corso, ma alla presenza di ex terroristi in una Scuola di Formazione per Magistrati”, dice Spataro.

Chi è l’ex Br Adriana Faranda

Adriana Faranda era una delle esponenti di spicco delle Br. Dopo aver militato in alcune formazioni minori di lotta armata attive a Roma, entrò a far parte delle Brigate Rosse, insieme al suo compagno Valerio Morucci, nell’autunno 1976, dirigendo la colonna romana e svolgendo un ruolo importante durante il sequestro Moro. Si distaccò dalle Brigate Rosse per contrasti sulle scelte strategiche dell’associazione terroristica nel gennaio 1979. Partecipò attivamente all’organizzazione del sequestro Moro. Arrestata il 30 maggio 1979 insieme a Morucci, durante gli anni ottanta si è dissociata dal terrorismo beneficiando successivamente delle riduzioni di pena, uscendo dal carcere nel 1994.